Malware mobile: perché i truffatori sono due passi avanti

Il post seguente è stato tradotto per gentile concessione di Trusteer

Cattive notizie: i truffatori hanno tutti gli strumenti necessari per trasformare efficacemente il malware mobile nel più grande problema di sicurezza mai riscontrato. Manca solo una cosa: la scelta del cliente. Il numero degli utenti che usano il banking online dai propri dispositivi mobili, è ancora relativamente basso. Inoltre le transazioni sui siti web di molte banche non sono ancora abilitate ai dispositivi mobili. Dal momento che le frodi online sono principalmente basate sui grandi numeri, attaccare gli utenti del banking mobile non è ancora una frode efficace. Ma aspettatevi un cambiamento. Ad un anno da ora, tutto sarà completamente diverso, quando molti più utenti inizieranno a utilizzare il banking dal proprio telefono cellulare e i truffatori passeranno alle maniere forti.

Trusteer ha calcolato che entro 12/24 mesi, 1 telefono Android ( ma anche iPad/iPhone) su 20 (5,6% ) potrebbe essere infettato con il malware mobile, se i truffatori cominceranno ad integrare le vulnerabilità mobili zero-day in exploit kit importanti.

Il paradiso dei truffatori: Google Android

L’architettura di sicurezza di Android non è all’altezza della sfida. Soprattutto per quanto riguarda la facilità di creare potenti applicazioni fraudolente e la facilità nel distribuirle. I truffatori possono facilmente creare applicazioni che hanno accesso a risorse sensibili del sistema operativo, come i messaggi di testo e voce, la posizione geografica e molto altro ancora. Agli utenti che installano una di queste applicazioni, comparirà un messaggio con un elenco delle risorse alle quali l’applicazione richiederà l’accesso; ma, generalmente, verrà ignorato, visto che molte applicazioni richiedono l’accesso a un ampio elenco di risorse. Creare una potente applicazione fraudolenta per Android che rubi ed abusi della vostra identità e del vostro conto in banca, è quasi banale. Distribuire queste applicazioni sull’Android Market è ancora più banale.

Non vi sono controlli reali dell’intero processo di upload, che potrebbero identificare e impedire la pubblicazione di applicazioni dannose in questi store. Rispetto all’App Store di Apple, l’Android Market è il selvaggio West. Non ci si può sempre fidare delle applicazioni che si scaricano.

I truffatori ​​hanno già iniziato ad abusare di questa grande falla nella sicurezza. Dozzine di applicazioni dannose sono già state individuate nell’Android Market. Google ne ha rimosso la maggior parte ma altre continuano ad arrivare. Trusteer ha identificato applicazioni pericolose sull’Android Market che sono rimaste per settimane prima di essere rimosse da Google.

L’utente medio fatica a individuare questa pagina , che permette di richiedere a Google di analizzare e rimuovere le applicazioni inappropriate dall’Android Market.
Ma non aspettatevi che Google reagisca velocemente a ciò che avete inviato tramite questo modulo. Lo abbiamo usato alcune volte senza risultati.
Per rimuovere un’applicazione dal Google Market, in realtà, abbiamo dovuto utilizzare contatti interni a Google, che non sono disponibili all’utente medio. Il processo di identificazione e rimozione delle applicazioni dannose dall’Android Market, richiede importanti miglioramenti.

La maggior parte delle applicazioni dannose che hanno colpito Android non sono finanziarie. Tuttavia, nel maggio di quest’anno, abbiamo visto il (già noto) malware Man in the Mobile (MitMo) che aveva già attaccato i telefoni Symbian, Blackberry e Windows in fase di porting per Android. Questo attacco è stato progettato per bypassare l’SMS Out of Band (OOB) dei processi di autenticazione e di verifica delle transazioni delle banche. La prossimità di questo attacco con la recente guida FFIEC che consiglia alle banche di prendere in considerazione, tra gli altri, l’Out of Band per combattere gli attacchi di malware, risulta ironico. Dimostra esattamente perché i truffatori sono due passi avanti.

Per chi non sapesse come funzioni OOB, ecco una breve descrizione: l’idea generale è quella di combattere il malware che infetta la macchina dell’utente. Quando l’utente accede al sito di una banca da un PC infetto da malware finanziario come Zeus o SpyEye, il malware s’impossessa della sessione web e inietta transazioni fraudolente per conto dell’utente. Con OOB attivato, la banca invia un messaggio di testo al numero di telefono pre-registrato dell’utente. Il messaggio include i dettagli della transazione e un codice di verifica. L’utente dovrà copiare il codice di verifica dal dispositivo mobile al browser del PC. Il presupposto è che se la transazione è stata generata dal malware, l’utente non completerà il processo e non copierà il codice di conferma nel browser; di conseguenza la banca non approverà la transazione.

L’attacco MitMo fa cadere questo presupposto: quando l’utente viene infettato e cerca di accedere al sito web della banca, il malware entra in gioco e chiede all’utente di scaricare un’autenticazione, o un componente di sicurezza sul dispositivo mobile per completare il processo di login. L’utente crede, erroneamente, che questo messaggio provenga dalla banca, mentre in realtà proviene dal malware.Quando l’utente installa il malware sul dispositivo mobile, i truffatori controllano sia il PC dell’utente che il telefono. Successivamente il ​​malware genera una transazione fasulla per conto dell’utente. La banca invia un messaggio di conferma al dispositivo mobile dell’utente. Il malware legge il messaggio di conferma e lo invia al malware sul PC. Quindi, elimina il messaggio di conferma dal dispositivo mobile in modo che l’utente non lo veda. Il malware sul PC inserisce il codice di conferma e approva la transazione.

Ciclo d'attacco MitMo

Il malware per Android diffuso a maggio di quest’anno, è di diversi tipi. In uno si utilizzava anche il marchio Trusteer per guadagnare la fiducia degli utenti e convincerli a scaricare l’applicazione. Lo stesso malware è stato usato insieme a Zeus 2.1.0.10. Il pc dell’utente è stato prima infettato da Zeus, che successivamente mostrava il messaggio per scaricare il componente malware di Android.

Applicazione Android fraudolenta che utilizza MitMo e abusa del marchio Trusteer

Chi ha già scaricato Trusteer Rapport è protetto da questo tipo di attacco.

Apple iOS non è così sicuro come si possa pensare

IOS è il sistema operativo dell’iPad iPhone e iPod. Con il malware per iOS, è una storia leggermente diversa. Non è facile creare applicazioni dannose che abbiano accesso alle risorse del dispositivo, visto che iOS effettua rigorosi controlli sull’accesso alle applicazioni. Non è nemmeno facile immettere applicazioni pericolose sull’App Store, visto che Apple effettua una revisione manuale di ogni applicazione presentata, che permette di rilevare applicazioni illegali.

Tuttavia, c’è una falla in questa architettura di sicurezza e si chiama jailbreaking. Un dispositivo IOS con il jailbreaking non impone il controllo degli accessi e permette, in pratica, a qualsiasi app di fare ciò che vuole sul dispositivo. Purtroppo molti utenti effettuano il jailbreak dei propri dispositivi, visto che vogliono eseguire tipi di applicazioni che non sono su App Store. Ma cosa ancor più grave è che le vulnerabilità di IOS potrebbero consentire a siti Web dannosi di effettuare il jailbreak del dispositivo e infettarlo con malware senza il consenso, o la consapevolezza dell’utente. La scorsa settimana abbiamo visto un buon esempio proprio di questo.

JailbreakMe.com ha pubblicato un exploit che permette il jailbreaking automatico dei dispositivi IOS da un sito Web appositamente creato. I file PDF che sfruttano questa vulnerabilità, sono liberamente disponibili. Anche fare clic su un documento in formato PDF, o navigare su un sito web che contenga documenti PDF, è sufficiente per infettare il dispositivo mobile con il malware. Ora, il concetto di siti web dannosi che sfruttino gli exploit per infettare dispositivi endpoint, è ben noto ai truffatori. Il famigerato BlackHole exploit kit e altri, quali Fragus e Neosploit, automatizzano questi processi. BlackHole è estremamente pericoloso e ampiamente utilizzato in quanto distribuito gratuitamente. Milioni di siti sono stati compromessi per eseguire questi exploit kit.

Quando gli utenti accederanno ad uno di questi siti web compromessi, verranno infettati dal malware. I truffatori possono utilizzare lo stesso exploit kit per qualsiasi parte del malware. Quando gli autori di BlackHole aggiungeranno le vulnerabilità IOS al loro kit, assisteremo a un rapido aumento della distribuzione di malware sui dispositivi IOS. Questa recente vulnerabilità non è la prima che abbia permesso ai truffatori di compromettere dispositivi IOS e non sarà l’ultima. Stiamo osservando solamente l’inizio del problema.
I truffatori continueranno ad analizzare IOS e ne scopriranno vulnerabilità, che permetteranno loro di compromettere i dispositivi e commettere frodi. Spero di sbagliarmi, ma ad un anno da ora, tutto questo potrebbe diventare così comune da non fare nemmeno notizia.

Conclusione

Solo negli Stati Uniti, il 50% dei telefoni cellulari sono smartphone, con Android e iPhone veri leader del mercato. In aprile di quest’anno, un sondaggio tra gli utenti di smartphone del Solutions Research Group con sede a Toronto, l’ha dimostrato e ha mostrato che il 38% usa un’applicazione bancaria.

Questi due numeri sono in costante aumento e stanno per diventare abbastanza grandi affinché i truffatori inizino ad usare le maniere forti.

Tutti gli elementi essenziali sono presenti: i truffatori vanno alla ricerca di vulnerabilità per IOS e Android, possiedono exploit kit efficaci per automatizzare il processo, compiono operazioni su larga scala che compromettono siti web e li costringono a distribuire malware e hanno malware per cellulari che può commettere frodi. A mio parere, tutto questo porta ad una conclusione: stiamo per affrontare uno tra i peggiori problemi di sicurezza che sia mai esistito e non passerà molto tempo prima che avvenga.

Le soluzioni anti-malware per la telefonia mobile rappresentano difficilmente la risposta a questo problema. Queste soluzioni non sono molto diverse rispetto alle loro controparti per PC. Sono basate sull’analisi delle applicazioni installate sul dispositivo e un elenco di note applicazioni dannose. Questo tipo di soluzione non è scalabile quando il numero di applicazioni dannose aumenta vertiginosamente. Visto l’aumento del malware mobile, stiamo per affrontare lo stesso problema delle soluzioni per gli antivirus desktop: bassa efficacia.

Si rende necessaria una soluzione diversa, con un approccio diverso alla sicurezza mobile: che impedisca a questi dispositivi d’infettarsi e possa proteggere la comunicazione mobile con le banche dal malware che, eventualmente, dovesse finire sul dispositivo. Questo principio è stato usato con successo da Trusteer Rapport per proteggere 150 banche in tutto il mondo e ora è disponibile per IOS e Android. Trusteer Mobile sarà lanciato entro la fine dell’anno, in collaborazione con alcune importanti banche e sta per cambiare il modo in cui le banche e i loro clienti pensano la sicurezza mobile.

Raccomandazioni per rendere sicuro il mobile banking:

  1. Controllate la reputazione, le recensioni degli utenti ed i commenti di ogni applicazione mobile che scaricate. Evitate le applicazioni con un basso punteggio, quelle nuove, o con recensioni negative.
  2. Prestate attenzione ai permessi richiesti dalle applicazioni Android quando le installate. Le applicazioni che chiedano l’accesso ai messaggi di testo e ad altre informazioni sensibili, dovrebbero mettervi in allarme e farvi compiere ulteriori ricerche prima di scaricarle
  3. Proteggete il vostro PC con un software di sicurezza per l’online banking come Trusteer Rapport, che potrete scaricare dal sito della vostra banca. Questo software può bloccare gli attacchi MitMo, impedendo ai truffatori di controllare il canale web.
  4. Installate regolarmente gli aggiornamenti per il vostro dispositivo mobile

Calcolo dei tassi di infezione degli smartphone per gli exploit zero day

Le statistiche Trusteer di giugno 2011 mostrano che ogni giorno un utente su 1500 accede a un sito web infettato con l’exploit kit BlackHole. Ogni giorno, 667 utenti su un milione accederanno all’exploit kit BlackHole . Ipotizzando che l’exploit kit BlackHole integri una vulnerabilità zero day, come la recente JailbreakMe, ciò indica 667 utenti infetti al giorno su 1 milione. Ipotizzando che ad Apple o Google serva una settimana per risolvere la vulnerabilità e in media 2 settimane agli utenti per aggiornare il proprio cellulare con una nuova release, ciò indica una media di 21 giorni di esposizione, in cui 14.000 utenti su un milione vengono infettati con l’attacco zero day. Ipotizzando 4 exploit zero day in un anno, arriviamo a 56.000 infezioni all’anno per milione di utenti, pari al 5,6%: un numero estremamente elevato.

Fonte: Mobile Malware: Why Fraudsters Are Two Steps Ahead


Posted in Traduzioni inglese-italiano, Trusteer and tagged , , by with no comments yet.

Malware di Android spia i vostri messaggi sms. Ma fa parte della famiglia di Zeus?

Il post seguente è stato tradotto per gentile concessione di Naked Security

Malware di Android I moduli Symbian , Windows Mobile e Blackberry del famigerato toolkit di malware Zeus (noto anche come ZBot), sono noti da mesi ed era chiaro che la gang di Zeus fosse interessata allo sviluppo di malware per piattaforme mobili.

Tuttavia, finora, non abbiamo visto alcuna prova che Zeus prenda di mira gli utenti che possiedono dispositivi Android o IOS (iPhone/iPad).

Questo fatto ci ha abbastanza sorpreso, considerando la popolarità delle piattaforme Android e IOS e la crescente diffusione di malware scritti in particolare per il sistema operativo Android di Google.

Negli ultimi due giorni, però, ci sono state parecchie discussioni sulle mailing list dedicate all’analisi del malware mobile in merito a una versione Android di Zeus.

Alla fine siamo giunti alla conclusione che si trattasse di un’applicazione nociva che i prodotti Sophos rilevano, già dal 31 maggio 2011, come Andr/SMSRep-B .

L’applicazione nociva finge di essere una versione Android del software di sicurezza bancaria Trusteer Rapport ed è stata inviata ai dispositivi con l’SO Android di Google da un web server creato per distribuire il malware Zbot a diverse piattaforme.

Dopo il fatto, non è stato difficile connettere l’applicazione Android allo Zeus toolkit, anche se non siamo certi al 100% che ci fosse una connessione.

L’applicazione installata utilizza un’icona rubata a Rapport e mostra una semplice schermata quando viene lanciata sul dispositivo colpito.

Zeus Rapport

La falsa applicazione Rapport si registra come Broadcast receiver, intercetta tutti gli SMS ricevuti e inoltra i messaggi a un server web nocivo mediante richieste HTTP POST. I messaggi SMS rubati sono codificati utilizzando uno schema di codifica JSON, spesso utilizzato da vari servizi web.

Anche se l’applicazione è chiaramente progettata per sottrarre il contenuto dei messaggi SMS, non è molto elaborata.

Per questo non possiamo essere sicuri al 100% che sia realmente parte del kit Zeus. L’URL del server command and control è hardcoded nel codice sorgente, ad esempio, e ciò non rende l’applicazione molto versatile per essere installata su un server alternativo.

Tuttavia, questa applicazione nociva per Android è interessante, in quanto combina le funzionalità spyware con il concetto di software di sicurezza fasullo. Come abbiamo visto di recente nel mondo di Mac OS X, il falso software antivirus è uno dei temi più comuni adottato dagli hacker malintenzionati durante i loro attacchi.

Alla fine il dubbio se questo faccia realmente parte della famiglia Zeus o meno, rimane.

Suppongo che solo gli sviluppatori dello Zeus kit lo sappiano per certo. Purtroppo non ho modo di contattarli e anche se l’avessi, dubito che sarebbero disposti a confermare o smentire questa teoria.

Fonte: Android malware spies on your SMS messages – but is it part of the Zeus family?


Posted in Naked Security, Traduzioni inglese-italiano and tagged , , , , by with no comments yet.