Punti del MITM

Il post seguente è stato tradotto, previa autorizzazione, da ha.ckers.org

Una veloce riflessione, durante un venerdì pomeriggio. Per un po’ ho chiesto ad amici, parenti e alla gente comune non dedita all’hardcore security, come si colleghino alla propria banca. Di seguito sono riportati i tipi di risposte che ho avuto:

  • “scrivo www.bank.com”.
  • “scrivo ‘banca’ e premo ctrl-enter”
  • “scrivo http://www.bank.com”
  • “scrivo bank.com e premo Invio”

Quasi mai (solo due volte su dozzine di persone) ho sentito dire: “scrivo https://www.bank.com”, con la “s”. Quindi cerchiamo di pensare, solo per un secondo, a tutte queste persone. Prendiamo “bank.com” come esempio.

  • L’utente scrive bank.com e, a seconda del browser, il comando viene inviato via cavo non appena il completamento automatico abbia inserito HTTP.
  • Il browser corregge l’URL di http://bank.com/ e fa una richiesta al DNS per “bank.com”.
  • Il server DNS risponde con un indirizzo IP.
  • L’utente effettua una richiesta all’indirizzo IP di bank.com su HTTP.
  • bank.com risponde con HTTP in chiaro ai browser degli utenti, li informa che dovrebbero essere collegati a www.bank.com e li reindirizza tramite un redirect 301 o 302.
  • Il browser dell’utente fa un’altra richiesta DNS a www.bank.com.
  • Il server DNS risponde con l’indirizzo IP di www.bank.com.
  • Il browser effettua una connessione HTTP a www.bank.com
  • www.bank.com si rende conto che l’utente si connette via HTTP e usa un altro redirect per reindirizzare l’utente a https://www.bank.com (o spesso, tramite un link presente nella pagina, si chiede all’utente di autenticarsi tramite HTTPS)
  • Il browser dell’utente si ri-connette alla porta 443 e comincia a negoziare – e a questo punto è cifrato (si spera con crittografia avanzata e che non ci siano altri problemi …)

Ci sono un sacco di punti in cui un utente malintenzionato potrebbe inserirsi e combinare pasticci. Quindi, anche se usare l’HTTPS è una buona idea, in pratica, è come le persone ci arrivano che è discutibile. La promessa di STS, HTTPS everywhere e di alcune impostazioni all’interno di NoScript, ecc…; erano di toglierlo dalle mani dell’utente.
Non che queste non siano buone idee, ma ci sono problemi di usabilità e l’utente dovrebbe essere, nella maggioranza dei casi, in qualche modo informato: cosa che, generalmente, non accade.

Fonte: Places to MITM

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.